Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Enti locali’ Category

Il sen. Francesco Campanella interviene oggi, con una interrogazione al Presidente dei Consiglio dei Ministri e al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, della quale è primo firmatario e che pubblico di seguito integralmente, sul gravissimo problema degli 800 lit/sec di purissima acqua oligominerale di Scillato che si perdono, da alcuni anni ormai, e vengono versati nel fiume Imera a causa della rottura, nei pressi di Cerda,  della condotta idrica che trasporta l’acqua dal paese del Parco delle Madonie fino a Palermo.

image

L’acqua di Scillato nel canale di scarico nei pressi della congiunzione con il fiume Imera.

(altro…)

Read Full Post »

Approfonditi i vantaggi derivanti dai risparmi teorici in caso di accorpamento dei comuni di minore dimensione demografica.

Il Ministero dell’Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, ha pubblicato uno studio sulle fusioni di comuni che viene contestualizzato in un ambito di finanza pubblica attualmente caratterizzato da una congiuntura economica sfavorevole e da provvedimenti di riduzione della spesa pubblica che hanno interessato anche il comparto degli enti locali. (Clicca sulla foto per leggere lo studio)

Fusioni di comuni

(altro…)

Read Full Post »

Sarà lui a guidare il percorso di fusione delle due associazioni
Si è tenuta oggi l’Assemblea congressuale regionale di ANCI e Legautonomie Emilia-Romagna, assemblea che segna l’inizio del percorso di fusione delle due associazioni di rappresentanza dei Comuni e delle Autonomie locali.
L’assemblea, molto partecipata da sindaci e amministratori provenienti da tutta la Regione, ha eletto all’unanimità Daniele Manca, sindaco di Imola, quale presidente sia di ANCI sia di Legautonomie Emilia-Romagna. Per Manca si è trattato di una riconferma, dal momento che era presidente uscente di ANCI Emilia-Romagna.
Daniele Manca

Daniele Manca

(altro…)

Read Full Post »

Gli enti locali in Sicilia vivono un momento difficilissimo. Le misure di contenimento della spesa legate alla spending review hanno determinato continui tagli nei trasferimenti statali e regionali creando difficoltà nell’erogazione dei servizi primari.  Un altro aspetto da sottolineare riguarda le riforme istituzionali che nel corso dell’anno sono state messe in campo dal governo e dall’assemblea regionale e che avranno un peso determinante nella vita degli enti locali siciliani.  Temi di importanza vitale per tutto il sistema delle autonomie locali siciliane che non hanno visto il doveroso e prioritario confronto tra la regione e gli enti locali e, di conseguenza, i cittadini, che le amministrazioni locali rappresentano in prima istanza.

Palermo. Gennaio 2011. Un incontro della segreteria regionale della Lega Siciliana delle Autonomie Locali con l'allora assessore agli enti locali, Caterina Chinnici.  In primo piano a sinistra Saro Patti e, a destra, Vittorio Gambino.

Palermo. Gennaio 2011. Un incontro della segreteria regionale della Lega Siciliana
delle Autonomie Locali con l’allora assessore agli enti locali, Caterina Chinnici.
In primo piano, a sinistra, Rosario Ansaldo Patti e, a destra, Vittorio Gambino.

(altro…)

Read Full Post »

Il Consiglio Comunale ha approvato oggi pomeriggio a larga maggioranza le Linee guida del nuovo Piano regolatore generale, presentate dalla
Giunta ad ottobre su proposta dell’Assessore Tullio Giuffrè.

Palermo araba: Piazza Bellini.

Palermo araba: Piazza Bellini.

(altro…)

Read Full Post »

Oggi è la Giornata Mondiale dell’Ambiente 2013. Non ci poteva essere occasione migliore per segnalare una splendida iniziativa del Comune di Caltavuturo in materia ambientale.

Calogero Giuseppe Lanza, Sindaco di Caltavuturo (PA)

Calogero Giuseppe Lanza, Sindaco di Caltavuturo (PA)

(altro…)

Read Full Post »

Il vento della crisi soffia fortissimo, devastando la nostra, già fortemente provata, economia, e aggiungendo disperazione a disperazione. Niente sembra fermarlo. Sempre, ma soprattutto in questo terribile periodo, tutti i livelli di governo del territorio dovrebbero riuscire ad attivare la spesa con le risorse disponibili. Non farlo è gravissimo e diventa un crimine quando, proprio come ora, sono rare le fonti di approvvigionamento. Non è possibile che la nostra Regione, come le altre dell’area Convergenza (ex Obiettivo 1) della Comunità Europea, non riesca ad andare oltre il 30% di capacità di spesa rispetto ai sei miliardi di euro disponibili, ridottisi ora a 4,7 in quanto il Piano Barca, (Pac -Piano di azione coesione), ha previsto l’intelligente utilizzo di 1,3 miliardi di euro in funzione anticrisi.

Europa

 

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: